Femmene. Fatti e misfatti della famiglia Fava e Ventresca: l’intevista ad Ottavio Buonomo

//Femmene. Fatti e misfatti della famiglia Fava e Ventresca: l’intevista ad Ottavio Buonomo

Femmene. Fatti e misfatti della famiglia Fava e Ventresca: l’intevista ad Ottavio Buonomo

Sabato 17 febbraio ore 20,30″Femmene. Fatti e misfatti della famiglia Fava e Ventresca”

IL CAPOVOLGIMENTO DEI RUOLI TRA UOMO E DONNE NELLA FAMIGLIA FAVA E VENTRESCA

Grande attesa per la nuova, esilarante commedia di Ottavio Buonomo firmata da Pasquale Forni. “Portiamo l’allegria a teatro e questo nuovo spettacolo non deluderà le attese”

Quando la creatività si sposa con il talento il prodotto che ne scaturisce non può essere che di assoluta qualità. Dopo i successi de “La congiura di condominio”, “Lo scapolo impertinente” e “8 x 1= 1 Ottavio, il commediografo Pasquale Forni e l’attore Ottavio Buonomo, firmano una nuova esilarante commedia, in due atti, dal titolo “Femmene. Fatti e misfatti della famiglia Fava e Ventresca”. La data che vedrà il debutto di questo spettacolo è sabato 17 febbraio alle ore 20,30 nel tempio del teatro “Italia” di Acerra. Per saperne di più abbiamo intervistato il protagonista della commedia, Ottavio Buonomo, attore cresciuto nel mito di Chaplin e Totò, che nonostante la sua giovane età vanta un curriculum di tutto rispetto.

Ottavio, quali temi tratterà questa commedia?

E’ un affresco dei nostri tempi in cui i ruoli quello dell’uomo e quella della donna si sono ineluttabilmente invertiti. Il titolo è volutamente fuorviante in quanto non affronta il tema delle “femmene” ma dell’ “ommo” che oggigiorno è un termine sempre più in via d’estinzione in quanto egli ha perso parte delle peculiarità che gli erano proprie, come la sua autorevolezza, di essere il fulcro principale attorno a cui ruotano tutte le decisioni importanti di una famiglia, che ha smarrito persino il gusto estetico nel vestirsi. In poche parole la sua virilità. Ciò si evince dagli avvenimenti che accadono nella famiglia Fava e Ventresca, in cui l’uomo di casa, Armando Ventresca, è totalmente succube della moglie Teresa Fava.

Nonostante questa tendenza di inversione dei ruoli c’è ancora chi crede e lotta per stabilire la figura dell’ “omm”…

Sicuramente uno dei figli della coppia, Pasqualino, interpretato proprio da me, non accetta questa condizione in cui la madre dirige la famiglia da capo assoluto e cerca di ribellarsi. Lui ha proprio dei mancamenti quando vede il padre in grembiule che prepara da mangiare o che scende al supermercato vestito da novella casalinga a fare la spesa. E’ una situazione per lui inaccettabile e tenta di ristabilire il naturale equilibrio tra uomo e donna in cui, sia chiaro, nessuno deve prevaricare sull’altro, ma che almeno non vi sia una gerarchia così marcata ed autoritaria.

Riuscirà Pasqualino nel suo intento?

Questo non ve lo posso anticipare, altrimenti vi perdereste il gusto della commedia. Lui senz’altro adotterà delle strategie per riequilibrare lo stato delle cose diventando il presidente di un gruppo di “uomini”. D’altra parte Pasqualino si deve scontrare con la realtà dei fatti, ovvero che i tempi sono cambiati ed è difficile tornare indietro. Inoltre anche suo fratello Antonio subisce l’autorità della moglie Pamela, una donna infedele che soggioga il marito spregiudicatamente. Insomma, il povero Pasqualino si trova a lottare fra due fuochi ed uscirne vincitore è impresa assai ardua.

Qual è la caratteristica che differenzia questa nuova commedia rispetto alle altre?

Pasquale Forni è riuscito a scrivere una commedia brillante, spassosa, vivace. Il pubblico, sono pronto a scommettere, si divertirà moltissimo a “spiare” ciò che accade all’interno della famiglia Fava e Ventresca. Personalmente, il protagonista che interpreto aderisce alle mie peculiarità. La comicità, sempre sobria e mai volgare, la forza e la personalità di Pasqualino si sposano perfettamente con le mie capacità. Proprio questa combinazione mi fa affermare che è questa commedia è un’opera ben riuscita.

Quali attori fanno parte del cast?

Della commedia faranno parte attori di assoluto talento come Vincenzo Merolla, un monumento del cinema e del teatro napoletano, Walter Lippa, conosciuto da molti per essere stato “Carluccio” nella prima serie di “Gomorra”, Giusy Ferro, Eleonora Coppola, Giovanni Caso, Fausto Bellone, Gennaro Ermo, Maria Di Leo, Maria Onorato e tanti altri. Un cast, definisco una famiglia, di oltre venti attori.

Cosa pensa Ottavio Buonomo riguardo a questo effettivo capovolgimento di ruoli tra uomo e donna?

Credo fermamente che in una vita di coppia non vi devono essere prevaricazioni di alcun tipo. E’ giusto il rispetto dei ruoli però nessuno dei due si deve sentire in qualche modo escluso o non meritevole di considerazione. C’è bisogno di comunicazione nella coppia, di ritornare a quello strumento potentissimo che è la parola capace di attenuare ogni contrasto e sgombrare il campo da ogni equivoco che possa nascere. La complicità la ritengo una componente fondamentale unita ad una sana dose di amore.

Quali saranno i tuoi prossimi appuntamenti?

Prossimamente sarò ospite a Roma per un omaggio a Totò rivisto in chiave più introspettiva, intima. Invece per il teatro Italia stiamo lavorando ad un progetto molto avvincente ed ambizioso: realizzare cinque commedie in un percorso teatrale classico/moderno con rappresentazioni di Viviani, Scarpetta ed altri. Poi per Natale…una sorpresona!!!

2018-02-14T20:13:22+00:00 mercoledì, 14 febbraio, 2018|Interviste|0 Commenti

Scrivi un commento

Teatro Italia

Via Francesco Castaldi 13, 80011 Acerra (NA)

Telefono: 081 520 3174

Cellulare: 333 315 5417

Web: http://www.teatroitalia.it

Email Utili

Prossimi eventi

  1. scacco matto - commedia - teatro italia